Gli artisti

Simone Martinetto

Simone Martinetto (Torino, 1980) lavora come artista, fotografo e docente di fotografia. Come artista utilizza quali mezzi privilegiati la fotografia, il video e l’installazione.
Le sue opere raccontano piccole storie intime con significati universali, esplorando il tema della memoria, dei sogni, del lavoro e delle potenzialità della mente umana.
Ha esposto le sue opere in oltre 60 mostre, in Europa e Stati Uniti. Tra le mostre si ricordano in particolare una personale presso l’ISCP Gallery di New York, la personale presso i 49B Studios di New York, la collettiva presso il Frost Art Museum di Miami, le due mostre personali presso la Gallaria d’arte Claudio Bottello Contemporary di Torino, la collettiva Verso Gramsci presso lo spazio Cartec – Cave arte contemporanea di Cagliari, la personale presso la galleria Agorà di Torino, una collettiva presso la Galleria Stefano Forni di Bologna, la personale presso la Cineteca di Bologna e le molte mostre presso molti importanti Festival d’arte contemporanea e di Fotografia tra cui il Festival JCE, itinerante in 6 diverse nazioni, il SI FEST di Savignano sul Rubicone, il Festival di Bibbiena, la Biennale Italia-Cina (presso l’Arca di Vercelli).
Come fotografo di scena per il cinema ha lavorato su una ventina di medio-grandi produzioni cinematografiche italiane degli ultimi anni, seguendone interamente la produzione e fotografando alcuni dei più importanti registi e attori italiani e francesci tra cui: Isabella Rossellini, Marco Bellocchio, Alba Rohrwacher, Pierfrancesco Favino, Kasia Smutniak, Margherita Buy, Saverio Costanzo, Giuliano Montaldo, Giancarlo Giannini, Ninetto Davoli, Luca Marinelli, Giuseppe Battiston, Lina Wertmuller, Valerio Mastrandrea, Berenice Bejo ed Emmanuelle Devos.
Come autore ha pubblicato i libri “Senza la memoria” e “Il lavoro quotidiano” con Pazzini Editore.
Come docente ha insegnato e tenuto oltre 50 corsi e workshop di fotografia e insegnato presso l’Università di Bologna. Ha ricevuto il premio Arte Plurale come miglior docente per un laboratorio fotografico tenuto per il Comune di Torino con persone con disturbi psichiatrici.
Ha vinto diversi premi e riconoscimenti sia come artista che come fotografo di scena. Nel 2012 ha vissuto e lavorato come fotografo e artista a New York, grazie al premio ISCP organizzato da Seat Pagine Gialle, dal Ministero Italiano per i Beni e le Attività Culturali e dall’Ufficio Giovani Artisti del Comune di Torino.
www.simonemartinetto.it

Daniele Ratti

Nato a Milano nel 1974, vive e lavora a Torino. Dopo aver conseguito la laurea in Architettura presso il Politecnico di Torino si dedica alla fotografia professionale dal 2000. La prima personale risale al 2004 e da allora la carriera artistica viene affiancata da altre attività di tipo curatoriale tra le quali spicca la direzione artistica di “Paratissima”, la manifestazione espositiva che ogni anno si tiene a Torino dal 2006.
Alcune opere si trovano attualmente nelle collezioni permanenti del PAN di Napoli, la Fondazione Bartoli Felter di Cagliari e numerose collezioni private.
Dal 2013 ha intrapreso un progetto che lo ha portato e lo porterà nelle ex colonie italiane in Africa e oltre mare, che si è conclusa con una mostra, una all’Expo 2015 a Milano e la seconda alle OGR a Torino in data da definire.
Sono molte le collaborazioni che nascono dal 2015 con alcune testate editoriali, INTERNAZIONALE, e festival di fotografia, CORTONAONTHEMOVE.
www.danieleratti.it

Saverio Todaro

Sono nato nel 1970 a Berna, dove ho trascorso la mia infanzia. A Torino ho compiuto gli studi al Liceo Artistico e all’Accademia di Belle Arti nel corso di Scultura.
Ispirato dai codici della biologia e della comunicazione, inizio ad esporre nei primi anni novanta macchine per scrivere, tavoli tagliati e DNA di acciaio.
Nel secondo millennio, con la diffusione di Internet avviene una rivoluzione planetaria e il Biopotere assume una dimensione pervasiva. Attualmente la mia ricerca è attratta dagli scenari che emergono dalla connessione globale e dal controllo che esercita sul mondo: la gestione del sapere, l’identità del soggetto, le relazioni sociali, l’economia, la religione, la storia che oggi l’uomo scrive nell’etere.
www.saveriotodaro.com