RESIDENZE D'ARTISTA
TRA BORGHI E CASTELLI

Un progetto tra arte, cultura e territorio

Creativamente Roero – Residenze d’Artista tra Borghi e Castelli nasce con l’obiettivo di costruire una rete volta alla valorizzazione dei Borghi storici del Roero e dei luoghi legati a vino e creatività coinvolgendo artisti nazionali e internazionali.
Il progetto intende promuovere attività culturali di alto valore e contemporaneamente essere un elemento di attrazione turistica per il territorio.
Il programma viene rinnovato ogni anno con nuove proposte e arricchito anche grazie alla collaborazione con altre realtà che operano nel settore dell'arte contemporanea.
Abitare le residenze
TRA BORGHI, ARTI E NATURA
Ogni anno vengono organizzate residenze d’artista localizzate nei Borghi aderenti al progetto.
Le residenze hanno una durata di circa 3-4 settimane divise in due momenti diversi.
Sopralluogo degli artisti
PRIMA FASE
Una prima settimana di sopralluogo, in primavera, dove ciascun artista viene accompagnato alla scoperta del Borgo e del territorio per identificare il luogo dove realizzare l’opera e cogliere gli spunti offerti dal contesto.
Realizzazione dell'opera
SECONDA FASE
Con la seconda fase, in autunno, ciascun artista torna nel Borgo per ulteriori due-tre settimane al fine di procedere alla realizzazione dell’opera, condividendo il percorso produttivo con la comunità locale che può in tal modo ricoprire un ruolo attivo nel processo creativo.
Presentazione delle opere
FASE CONCLUSIVA
Al termine del periodo di soggiorno viene organizzato un evento finale di restituzione con la presentazione delle opere.
L’evento anima per un fine settimana tutti i Comuni coinvolti. Si viene così negli anni ad attuare un museo diffuso che, attraversando i Borghi e i Castelli del Roero,
rimane come elemento permanente di valorizzazione del territorio.

ESERCIZI DI NUOVA MEMORIA

Edizione 2022

L'affidarsi alla memoria è la volontà dell'uomo di non scomparire. E quando la conoscenza si arresta, subentrano i sensi, che alimentano la fantasia.

Andrea Camilleri


La scelta di incentrare la quarta edizione di Creativamente Roero sul tema della memoria risulta quasi dovuta e naturale in luoghi dove ricerca e valorizzazione delle proprie radici sono elementi molto forti che appartengono con orgoglio al Roero: sguardi rivolti al passato senza nostalgie, motivo di indagine per trarre spunti utili a dare continuità alla conoscenza.
Fonte di ispirazione nelle arti di tutti i tempi, la rivisitazione attraverso i linguaggi del contemporaneo può offrire un importante contributo alla necessità di saper affrontare la complessità del presente, creando processi trasformativi che generano identità future e producono nuova memoria collettiva che innesca riflessioni profonde.
Gli artisti, qui invitati ad avviare un processo di analisi e studio condivisi, concorrono a produrre riletture del passato con chiavi interpretative che, tramite visioni innovative, danno consapevolmente origine al racconto del poi.
Se la memoria è la facoltà di ricordare e riflettere, l’esercizio è pratica, impegno, volontà, apprendimento e tecnica, azioni imprescindibili per dar vita a opere d’arte capaci di esistere e resistere in un dialogo perenne e stimolante con il pubblico. Mi piace citare Marguerite Yourcenar, che al proposito ha scritto: La nostra memoria allontana o avvicina i fatti, li arricchisce o li impoverisce, e li trasforma per farli rivivere. La memoria non è una raccolta di documenti depositati in buon ordine: essa vive e cambia, avvicina i pezzi spenti per farne di nuovo scaturire la fiamma. I Borghi coinvolti nel progetto Creativamente Roero sono dunque terreno fertile di spunti, disponibili ad essere scrutati da sguardi insoliti, coscienti che questa esperienza rappresenti l’opportunità di far rivivere intensamente la propria storia riscrivendo altri interessanti capitoli.
 
Patrizia Rossello
Direttore Artistico Creativamente Roero

I PROTAGONISTI E LE OPERE

Scopri gli artisti della IV edizione

Automatic Translation »